This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
..le altre news Pubblicato da... Assocral Europa
Bookmark and Share
() - ilfattoalimentare.it
Da martedì 10 maggio 2022 a martedì 31 gennaio 2023

Nutri-Score: continuare la battaglia contro il Nutri-Score

Nutri-Score: continuare la battaglia contro il Nutri-Score

 

 

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha da poco pubblicato un parere scientifico sui profili nutrizionali da usare per definire l’etichetta posta sulla parte anteriore delle confezioni (le cosiddette etichette a semaforo come il Nutri-Score), e per limitare l’impiego di indicazioni nutrizionali e sulla salute che le aziende in genere propongono sul retro (claims).
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) definisce la profilazione nutrizionale come la scienza che classifica gli alimenti che, a seconda della composizione, contribuiscono a prevenire le malattie e promuovere la salute.
Il documento redatto dall’Efsa descrive i vari gruppi alimentari come cereali, frutta, verdura… e i nutrienti in essi contenuti che devono essere aumentati o diminuiti nella dieta per ridurre le malattie croniche come per esempio tumori o malattie cardiovascolari.

 

È interessante analizzare come sia stata manipolata la notizia di questo nuovo parere scientifico Efsa da parte di Federalimentare (Federazione italiana dell’industria alimentare).
Secondo il comunicato stampa diffuso l’Autorità europea ha avallato la scelta italiana della Nutrinform Battery, affossando l’etichetta a semaforo Nutri-Score francese che probabilmente sarà adottata entro la fine dell’anno dall’Europa. Ma è davvero così? Analizziamo insieme quanto affermato nel comunicato.... (Leggi l'Articolo)

 

 

Fonte ilfattoalimentare.it